Pensione inabilità per esposizione amianto – Circolare INPS

Estesa la pensione di inabilità, per l’anno 2020, anche a chi abbia contratto malattie professionali a causa dell’esposizione all’amianto.
L’INPS, con la circolare n. 34 del 9/3/2020 ha reso noto una serie di istruzioni per il riconoscimento del beneficio.
Leggi la notizia su:
lavoroediritti.com
pensionioggi.it
ambientesicurezzaweb.it
pmi.it
laleggepertutti.it

La strage silenziosa. Genova e i morti d’amianto

Segnaliamo il libro La strage silenziosa. Genova e i morti d’amianto, storia di una battaglia operaia di Marco GrassoMarcello Zinola per Rubbettino editore, pubblicato dalla Camera del Lavoro di Genova.  Il libro racconta la storia di una lunga battaglia operaia per ristabilire giustizia su un’amara realtà: la strage silenziosa dell’amianto a Genova. Nel libro si affronta la vicenda dell’inchiesta attraverso i documenti processuali e quella dei malati e delle loro famiglie attraverso le dirette testimonianze degli interessati.

Decreto Milleproroghe – 4 milioni per gli esposti amianto

“Ammonta a quattro milioni la somma messa a disposizione nel decreto Milleproroghe a favore dei malati di mesotelioma non professionale. La misura si rivolge alle persone che hanno contratto la patologia per esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell’amianto o per comprovata esposizione ambientale”. Lo rende noto la capogruppo dem in commissione Lavoro alla Camera Debora Serracchiani.
Leggi l’articolo su:
ilfriuli.it
articolo21.org
ilpiccolo.net
rassegna.it
iltempo.it

Ministero del Lavoro – Decreto 16 dicembre 2019

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’11 febbraio 2020, n. 34 è stato pubblicato il  decreto del ministero del Lavoro e delle politiche sociali 16 dicembre 2019 su criteri e modalità per la concessione della pensione di inabilità per esposizione all’amianto.

Il decreto prevede che le domande di accesso al beneficio possano essere presentate per ciascun anno, entro il 31 marzo. Pertanto nel 2020 la scadenza è il 31 marzo 2020. Sul punto si attende comunque una comunicazione dell’INPS.